Dopo la doppia vittoria nell’evento di Fujairah, prima tappa del mondiale 2018 UIM XCAT World CampionshipArif Al Zaffain e Nadir Bin Hendi su “Dubai Police“conquistano anche la pole position dello Stresa Grand Prix. Il duo emiratino segna il miglior tempo nel secondo appuntamento del campionato in corso questo weekend sulle acque del Lago Maggiore. Secondo tempo per The Blue Roo – Team Australia, con a bordo i due norvegesi Pål Virik Nilsen e Jan Trygve Braaten. Terzi gli italiani di Yacht Club ComoSerafino Barlesi e Alessandro Barone, equipaggio e barca tricolori che corrono in casa nell’unica tappa europea del mondiale.

Le procedure per la pole position nel pomeriggio hanno visto i team impegnati in 45 minuti di prove libere con tempi non conteggiati per la definizione della griglia di partenza; a seguire 15 minuti di stop durante i quali sono stati apportati gli ultimi interventi sulle barche e infine 15 minuti di pole vera e propria: un quarto d’ora senza fiato con tutte le barche impegnate contemporaneamente sul circuito in una sfida al giro più veloce. Dubai Police (catamarano sponsorizzato dal corpo di Polizia di Dubai) ha chiuso a 2.26,962; Arif Al Zaffain e Nadir Bin Hendi sono due “leggende” sul Lago Maggiore dove negli anni passati hanno trionfato già tre volte. Dopo un testa a testa con Dubai Police, The Blue Roo si è fermato a 2.27,370: un risultato importante alla luce di qualche problema tecnico registrato durante le prove ufficiali della mattina. Yacht Club Como ha chiuso il suo giro più veloce in 2.28,661 ed è stato tra i primi ad affrontare il giro lanciato, segno del buono stato di forma del catamarano tutto italiano in acque amiche. Partirà quarto in griglia Abu Dhabi 4, seguito dagli svedesi di Swecat e dai russi di New Star.

Nutrita la presenza di piloti italiani in gara: settimo posto (sotto al vero potenziale) per 222 Offshore di Giovanni Carpitella, il pilota veneto che con l’australiano Darren Nicholson peraltro ha conquistato, sempre a Stresa pochi giorni fa, il record del mondo di velocità sul chilometro lanciato. Ottavo Rosario Schiano su HPI Racing Team con il Corso Francois Pinelli, decima Ribot, la seconda barca tutta tricolore di questo mondiale con Alfredo Amato e Daniele “Taz” Martignoni. Da segnalare il battesimo XCAT dell’ex campione di automobilismo Nico Caldarola, a bordo della spagnola Venus Bali con Andrea Comello. Caldarola, era alla sua prima gara ed ha avuto un padrino d’eccezione: il mito del tennis e pluricampione di motonautica Adriano Panatta.

Domani, sabato, alle 15 la bandiera verde darà il via a Gara 1 dello Stresa Grand Prix-2018 UIM XCAT World Championship. I 12 team si sfideranno lungo un tracciato di 3.32 miglia nautiche (poco più di 6 km); la gara prevede 17 giri, compresi quello d’inizio e due long lap. Particolarmente suggestivo il passaggio dei catamarani tra l’Isola Bella e l’Isola Superiore dei Pescatori. Domenica alla stessa ora lo start per Gara 2.

I catamarani, spinti da due motori a basso impatto ambientale costruiti da Mercury, per un totale di 800 cavalli, sono capaci di velocità nell’ordine dei 200 km/h.
Gli appuntamenti saranno visibili in live streaming dai canali social del campionato, con diretta a partire dalle 14:40 ora italiana.

Add comment